Regia Trazzera e bugie a cinque stelle

Pinocchio ha detto troppe bugie sulla Via dell’Onestà e la Fata Turchina è davvero tanto, tanto, tanto adirata con lui: potrà perdonarlo solo se riuscirà a risolvere il compito assegnato per le vacanze estive e se dirà la verità.


COMPITO DI MATEMATICA E LOGICA

PROBLEMA

Il Comune di Caltavuturo deve realizzare i lavori per rendere agibile una Regia Trazzera che ricollegherà il paese con il resto della Sicilia. Le imprese ingaggiate presentano il preventivo dei costi dei lavori per un totale di €360.000.
Una serie di iniziative permettono al Comune e agli abitanti del posto di raccogliere €22.000.
Il M5S, per ritorno mediatico ed elettorale, prova a intestarsi il rifacimento della Regia Trazzera promettendo €300.000.
Quando si viene a sapere che di quel denaro non c’è neanche l’ombra perché verrà erogato in tre rate dilazionate tra il mese di ottobre 2015 e il mese di giugno 2016, e che l’unica garanzia è che la Legislatura regionale non si sciolga, il M5S rilancia di ulteriori €30.000 rassicurando gli elettori che utilizzerà, eventualmente, la liquidazione / assegno di solidarietà o di fine mandato che viene erogato ad ogni parlamentare siciliano alla fine della legislatura per un ammontare di circa € 25.000 a deputato (tenendo conto che i deputati M5S ARS sono 14).
Contestualmente, il sindaco di Caltavuturo prova a difendere le posizioni del Gruppo Parlamentare M5S ARS asserendo che la convenzione in cui viene stipulato il finanziamento è avvenuta tra l’Associazione Oltrepassiamo la frana. La bellezza non si può isolare e l’Associazione Movimento 5 Stelle Sicilia, e non con il Gruppo Parlamentare: questo per dimostrare che comunque vadano le cose per l’attuale Governo Crocetta, Caltavuturo riceverà quel denaro.
Ma la somma comunque non basta, e così dal 10 agosto viene estesa la possibilità ai veicoli che percorrono la trazzera di dare un contributo volontario di €1,00 , una donazione che nel Paese della Realtà si chiama “pedaggio“: iniziativa di cui sulla pagina facebook del Movimento 5 Stelle Sicilia se ne esalta la bontà, ma di cui l’On. Cancelleri prende le distanze mezzo stampa risultando ignaro della situazione.
NOTA BENE: la trazzera è stata aperta al traffico il 1°agosto 2015 e dopo 5 giorni il sindaco di Caltavuturo ha dichiarato che quella strada è stata percorsa da oltre 50.000 auto.

DOMANDE

  1. A quanto ammonta la somma versata dai parlamentari che si sono tagliati lo stipendio per la Trazzera di Caltavuturo?
  2. Qual è la garanzia che l’Associazione M5S Sicilia vanta (a differenza del Gruppo Parlamentare vincolato dalla legislatura) se i registri di bilancio degli anni precedenti risultano non pervenuti e non sono stati neanche pubblicati on line?
  3. Da quali fondi l’Associazione M5S Sicilia attingerà le somme eventualmente necessarie se, come da programma e intenti, gli eletti hanno rinunciato alla liquidazione / assegno di solidarietà o di fine mandato?
  4. Complessivamente, tra le donazioni dichiarate dal M5S Sicilia (Associazione o Gruppo Parlamentare?) e la raccolta dell’Associazione Oltrepassiamo la frana. La bellezza non si può isolare, quanto è stato messo da parte per pagare i lavori?
  5. Tenendo conto dei dati riportati dal sindaco di Caltavuturo: quanti giorni saranno necessari e quante auto dovranno passare per raggiungere la somma necessaria per saldare i lavori effettuati?

RISOLVI

Firmato

La Fata Turchina

Annunci
Standard

Finanziamento Regia Trazzera. L’Associazione M5S Sicilia è regolare?

Le polemiche sul finanziamento della Trazzera di Caltavuturo, non si fermano.
Il teatrino tragicomico continua a portare in scena gag esilaranti, tanto per la sua discutibile sicurezza, quanto per il finanziamento che verrà erogato in tre tranches con il rilancio di ulteriori 30.000 euro.

Peccato che questa non è una partita a poker.

«L’accordo preso dal comitato che si è battuto in questi mesi per l’apertura di una bretella alternativa non è stato con il gruppo parlamentare pentastellato, ma con l’associazione Movimento 5 Stelle. Questo fa sì che i soldi promessi sarebbero versati anche nel caso di una fine prematura del governo Crocetta», ha dichiarato il sindaco Giannopolo a Meridionews.

Facciamo quindi luce sull’Atto Costitutivo dell’Associazione Movimento Cinque Stelle Sicilia, dal momento in cui, ad oggi, non è mai stato reso noto questo documento, evidentemente.

L’11 settembre 2012 Giovanni Carlo Cancelleri, Giuseppe Lo Monaco e Mirko Bognanni, in presenza del Notaio Andrea Bartoli, il mecenate di Favara fautore del progetto “Farm Cultural Park” che ha ispirato il modello di rigenerazione urbana riproposto dal M5S ARS sotto il nome di “Polmoni Urbani”, costituiscono l’associazione denominata Movimento Cinque Stelle Sicilia, fissando la sede legale a Gela in via Vincenzo Foppa, 25 (contestualmente sede legale della ditta  di coperture e pareti di Rocco Caci e Giudice Emanuele).

AC Sicilia5Stelle - 001

E fino a questo punto, tutto è assolutamente regolare.

“Durante la vita dell’associazione non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto, avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale.”

Con questa postilla si scioglie ogni dubbio: l’Associazione Movimento Cinque Stelle Sicilia non può erogare alcun tipo di finanziamento diretto o indiretto.

AC Sicilia5Stelle - 002

È possibile che siano state apportate delle modifiche al presente documento?

Certo che sì! E sarebbero anche plausibili.
Come plausibile sarebbe supporre che l’Associazione Movimento Cinque Stelle Sicilia sia stata anche regolarizzata.

In che senso?

Semplice. Sebbene l’atto costitutivo sia stato sottoscritto in presenza di un notaio, fino al mese di aprile, venivano erogate ricevute di pagamento dalle quali è possibile supporre che il documento non fosse stato depositato all’Agenzia delle Entrate e che non possedeva un Codice Fiscale.

Ricevuta M5S

Risulta alquanto strano che nell’intestazione di queste venisse riportato il Codice Fiscale personale dell’On.Giancarlo Cancelleri e il suo indirizzo di residenza.

Nella convenzione stipulata con l’Associazione “Oltrepassiamo la frana. La bellezza non si può isolare”, l’intestazione ben visibile nella foto pubblicata dall’On. Giorgio Ciaccio indica che l’Associazione ha sede in via Pacini, 1 – Caltanissetta e possiede un CF: 92062890857.

Convenzione Caltavuturo - Giorgio Ciaccio

A questo punto ci sarebbe da chiedersi dove siano i registri di bilancio, se effettivamente l’Atto Costitutivo è stato modificato e con quali conseguenze nella struttura interna dei Meet Up regionali.

Una cosa è certa: l’onestà intellettuale ancora non ha cambiato sede legale.

Fine delle trasmissioni.

Standard

Regia Trazzera finanziata a pagherò

Siete davvero sicuri che il M5S abbia erogato €300.000 per la Trazzera di Caltavuturo?

Il gruppo parlamentare regionale siciliano è riuscito a intestarsi il rifacimento della Regia Trazzera, iniziato e portato avanti dai cittadini di Caltavuturo,  dall’Associazione “Oltrepassiamo la frana. La bellezza non si può isolare”, con il supporto del Sindaco e della sua amministrazione, e il preziosissimo sostegno delle imprese di costruzione locali, donando €300.000 dai tagli dello stipendio dei parlamentari.

“Abbiamo ricucito la Sicilia grazie ai nostri soldi!”, esultavano i parlamentari.
E come tante pecore belanti, i proseliti hanno difeso a spada tratta i contestatori dell’opera portata a compimento per mezzo del denaro ricavato dalle restituzioni che ne hanno permesso la realizzazione e di cui, tra l’altro, non sono i reali fautori.

“Via dell’Onestà” l’hanno chiamata. E vediamo fino a che punto.

Forse a pochi è venuto in mente di andare a fare un po’ di conti in tasca ai regionali pentastellati.
Sul sito Sicilia5stelle, la trasparenza è sempre stata pressochè meticolosa, come buona norma grillina.

Così si legge che:

La parte degli stipendi a cui i Portavoce rinunciano sono serviti a finanziare diverse iniziative nel corso di questi 3 anni di legislatura:

Fondo di Garanzia per Microcredito Siciliano (dal 31/12/2012 al 31/12/2014)

Progetto Boom – Polmoni Urbani (dal 31/12/2014 al 30/06/2015)

Rifacimento Regia Trazzera – Caltavuturo

La domanda sorge spontanea: il M5S ha usato le restituzioni destinate a Polmoni Urbani?
La risposta è NO, per il semplice fatto che l’importo totale delle restituzioni degli onorevoli parlamentari dal 31/12/2014 al 30/06/2015 ammonta a €168.416,55 e quindi ci sarebbe un deficit di € 131.583,45 per la somma totale sbandierata, ovvero € 300.000.

Come hanno pagato i lavori per rendere agibile la Regia Trazzera di Caltavuturo?
Non hanno pagato! O meglio. Hanno stipulato una convenzione che stabilisce i termini di rateizzazione dell’importo complessivo, in tre rate da €100.000 “a pagherò”: la prima dovrebbe essere erogata il 31 ottobre 2015, la seconda il 28 febbraio 2016, la terza il 30 giugno 2016.

Convenzione Caltavuturo

L’uso del tempo verbale condizionale perché sarebbe plausibile ammettere in questa convenzione la stessa postilla prevista anche per il progetto Polmoni Urbani: una delle clausole prevede la recessione dell’erogazione delle somme accantonate dai tagli degli stipendi  nel caso di interruzione anticipata della Legislatura regionale Siciliana.

Revoca del Finanziamento

Perciò ricapitoliamo:

Il M5S ha realizzato i lavori di la Regia Trazzera? No.
Il M5S ha finanziato i lavori della Regia Trazzera? No.
Il M5S finanzierà il Progetto Polmoni Urbani e i lavori della Regia Trazzera?
La risposta è FORSE. Tutto dipende dall’abilità nel tenere in vita il Governo Crocetta.
Nel caso in cui si dovesse sciogliere la Legislatura regionale Siciliana, le promesse del M5S andrebbero in fumo, e di certo i beneficiari delle somme rimarrebbero a bocca asciutta. Le deduzioni che ne conseguono sono logiche.

Un tempo c’era chi “sciacallava” consensi elettorali donando pacchi di pasta: erano dei principianti a confronto.

Standard